Blog

< img src=”blog-5.png” alt=”sport management in Inghilterra">
Regno Unito Storie dai nostri studenti studiare all'estero

Questa non è una tipica storia di qualcuno che era innamorato del Regno Unito

Come prendere una decisione in cinque secondi e iniziare a studiare Sport Management?

Questa è la storia di una ragazza che ha ricevuto il supporto di Elab Studiare all'estero ed è partita per l'UK per studiare Sport Management

Parla una studentessa di Sport Management – A dire la verità, non riuscivo a decidere cosa volevo studiare e quale strada prendere per il mio futuro. Quando si trattava di studiare all’estero, la mia risposta era “Mi piacerebbe, sarebbe fantastico, ma non posso permettermelo”.

Sono andata a due incontri per studiare nel Regno Unito. Il primo andava bene, ma era gestito da una donna che ci presentava senza scrupoli molti fatti poco entusiasmanti sul sistema educativo britannico. Quando è emersa la questione dei costi, ci ha a mala pena parlato delle rette e non ha menzionato nulla dell’aiuto finanziario disponibile. I miei genitori non erano in grado di pagare quasi diecimila sterline da un giorno all’altro … Mi ha davvero scoraggiata.

Tuttavia, ho preso la decisione di dare un’altra possibilità al mio sogno. Il secondo incontro è stato geniale. Due ex allievi vennero nella mia scuola: il ragazzo stava già studiando in Inghilterra, la ragazza era stata accettata e stava per iniziare. Ci hanno parlato delle opportunità, ci hanno fornito informazioni dettagliate sui finanziamenti e, soprattutto, ci hanno parlato di tutte le materie che avrei potuto affrontare nel Regno Unito, che non esistono in Italia.

Di conseguenza, ho iniziato a prendere in seria considerazione l’idea di studiare all’estero, e proprio quel giorno mi sono seduta e ho iniziato a cercare ciò che veniva offerto dalle università britanniche. Non appena ho letto le parole Sports Management, alla Coventry University, ho capito che era quello giusto, il mio corso da sogno, e immediatamente ho preso la decisione di mandare la domanda di ammissione.

Mi sono trasferita nel Regno Unito il 10 agosto e iniziato il corso di Sport Management. Mi sostengo finanziariamente da sola, perché è perfettamente possibile mantenere un lavoro e studiare. Conosco persone che amano vivere qui e non vedono l’ora di tornare nel Regno Unito dopo le vacanze.

Nonostante un grande gruppo di amici, un tutor personale molto utile che fa parte del Comitato Olimpico, viaggi ad Amsterdam, la settimana dei docenti ospiti e una presentazione di un ex studente che ora sta lavorando con nientemeno che Neymar e, in particolare, essere in grado di scrivere su ciò che amo nei miei corsi ed esami -pallavolo- Non mi sento come se fossi nel posto giusto. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il Regno Unito non è un paese focalizzato sulla pallavolo. Non ne sono sicura.

Naturalmente, il corso di Sport Management è multiculturale – e i miei colleghi provengono dall’Asia, Australia, Francia, Spagna, Cipro, Slovacchia, Russia, ecc. 

I docenti pongono molta enfasi sullo sviluppo personale e sull’espansione della propria esperienza. Siamo stati tutti valutati sotto questo aspetto (e costituisce il 50% della nostra valutazione finale) e il nostro gruppo Facebook è regolarmente aggiornato con opportunità di lavoro, volontario o tirocini che potremmo iniziare.

La maggior parte degli studi si concentra sul calcio e ogni singolo studente dei 100 presenti nel corso di Sport management è pazzo di sport e ha la sua disciplina preferita. Ecco perché penso che il modo migliore per sintetizzare il mio corso di studi sia dire: stiamo tutti imparando le stesse cose ma ognuno ha le proprie conoscenze piuttosto differenti.

Mi pento di aver preso la decisione di lasciare l’Italia? No.

So chiaramente cosa voglio fare nella vita e sono pienamente consapevole del fatto che sto studiando presso il principale dipartimento britannico di sport ed eventi. Il mio obiettivo finale è lavorare nella pallavolo e studiare qui Sport Management è un passo in più lungo la strada e una fase essenziale del mio sviluppo.

Raccomando di studiare in Inghilterra? Certo.

Ognuno è diverso. Tutti si abituano al nuovo ambiente secondo il proprio ritmo. Il fatto che non sia caduta sotto l’incantesimo di questo paese non significa che altri non se ne possano innamorare. Sono l’esempio di una studentessa di liceo che ha studiato biologia avanzata e che ora fa parte della Business School e ha esami di economia ogni settimana, studiando Sport Management!

Ognuno di noi ha le stesse possibilità, quindi perché non approfittarne?