Studiare all’estero – COLLOQUIO


COME PASSARE IL TUO COLLOQUIO A PIENI VOTI!

È quel periodo dell’anno in cui le persone aprono la posta e guardano su Track per scoprire se hanno ricevuto risposte dalle università nel Regno Unito a cui hanno presentato la loro domanda. Alcuni di voi gioiranno dopo aver visto un “offerta incondizionata”, altri guarderanno la loro “offerta condizionata” e cercheranno di calcolare se saranno in grado di ottenere i voti o meno. E altri ancora riceveranno una richiesta di: COLLOQUIO.

La parola “colloquio” può far venire i brividi. Sembra un interrogatorio, un test impossibile e molto personale e qualcosa di cui preoccuparsi.

Non lo è!

Ecco alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a prepararti per un colloquio con università e ad uscire dalla stanza, o a terminare la chiamata, sentendoti felice, soddisfatto e sicuro di aver fatto davvero bene.

Iniziamo con le cose pratiche che devi considerare. È un colloquio telefonico o ti viene chiesto di andare all’università e incontrare i membri della facoltà? Se si tratta di un colloquio telefonico, è necessario verificare la data e l’ora proposte (siete in vacanza o dal dentista?). Pensate anche alla vostra connessione a banda larga. Se si tratta di una chiamata Skype, sarai in grado di garantire che la tua connessione Internet non cada? O faresti meglio ad andare a casa di un amico o parente o in qualche posto tranquillo con il Wi-Fi pubblico?


Non puoi permetterti di rischiare, quindi decidi con largo anticipo il posto intendi gestire la chiamata e controlla che il microfono e la videocamera funzionino. Puoi accettare l’orario del colloquio suggerito dall’università in Track. Pensa prima di cliccare! E ricorda che puoi essere visto su una chiamata Skype, quindi non indossare il pigiama con i capelli spettinati.

Se si tratta di un colloquio di persona, assicurati di arrivare in tempo – e questo significa controllare l’organizzazione del viaggio, magari prenotare un B & B per una notte, guardare il percorso e partire in tempo utile, così da essere pronto 15 minuti prima dell’inizio del colloquio. Essere in ritardo è inaccettabile, stressante e lascia una cattiva impressione.
Vestiti in modo appropriato. Non stai andando ad una festa, al tennis club o ad un’uscita con gli amici. Streetwear sono fuori luogo però puoi indossare dei jeans con una giacca e una maglietta e, se è probabile che piova o faccia freddo, non c’è niente di male nell’integrare un maglione e un trench. Evita acconciature vistose e accattivanti, gioielli e accessori look-at-me, in particolare slogan o magliette divertenti. Gli scrutinatori non sono interessati alle tue opinioni su Trump, Venezuela o sulla legalizzazione della cannabis. Vogliono incontrare te, non il tuo personaggio.


Sii consapevole del tuo linguaggio del corpo e cerca di rilassarti. Non ha senso sedersi sul bordo della sedia, stringere forte le mani come se stessi per essere giustiziato. Né accasciarti e sbadigliare. Sii attento, sorridi, usa il contatto visivo. Il colloquio potrebbe durare fino a un’ora, quindi assicurati di essere seduto comodamente e di non dover cambiare continuamente posizione. Assicurati di aver portato il tuo portfolio se ti è stato richiesto – questo è il caso per i colloqui per le facoltà di arte, design e architettura.

Organizza il tuo lavoro e chiedi ad un amico di essere il tuo pubblico mentre ripeti ogni pezzo e spieghi cosa significa per te, perché hai scelto questo approccio e ciò che trasmette. Più spesso fai questo esercizio – e ricorda di incoraggiare il tuo amico a fare domande – più sarai perfetto. Non dimenticare, le tue opinioni sono le tue – non possono essere sbagliate, solo spiegate male.

Le università tendono a chiedere la stessa tipologia di domande generali di anno in anno. Probabilmente ti verrà chiesto di spiegare perché hai scelto questo particolare corso e università, sarai invitato a riflettere sulla tua scuola e sui risultati accademici, sarai spinto a parlare dei tuoi punti di forza e di debolezza e invitato a descriverti. Potresti anche ricevere domande sulla tua lettera motivazionale e interrogato su esperienze di lavoro, hobby e qualsiasi altra cosa tu abbia scritto.

È quindi essenziale prepararsi per questa parte del colloquio:

  • Cerca un po’ di storia sull’università, gli ex studenti ecc

  • assicurati di aver esaminato tutti i modulues (materie).

  • leggi nuovamente la tua lettera motivazionale e rinfresca la memoria su ciò che hai scritto. Considera quali domande il tuo Personal statement potrebbe sollevare. Ad esempio, se parli di partecipare a una serie di competizioni o di fare volontariato in un rifugio per animali, pensa a uno o due punti che potresti dire su queste esperienze.

  • Leggi le news, in modo da essere aggiornato sugli eventi / controversie / scoperte o dibattiti più recenti.

Quali corsi sono più propensi a chiedere ai candidati durante un colloquio?

Medicina

Odontoiatria

Infermieristica

Arte e Design

Educazione

Musica

Tutti i college di Oxbridge si aspettano che i candidati vengano per un colloquio, poiché questo è parte del processo di candidatura.

UCL e Imperial tendono a intervistare i loro candidati, in particolare se si sta facendo domanda per un corso molto richiesto.

Cos'è un MMI? E chi normalmente deve fare questo tipo di colloquio?

MMI è l’acronimo di Multi-Mini Interviews, una tecnica di colloquio che viene sempre più utilizzata dalle scuole di medicina per scegliere tra i loro candidati. Il formato MMI è stato originariamente progettato per offrire alle persone la stessa possibilità di fare bene, dal momento che non è possibile ottenere un vantaggio in questo tipo di esercizio pagando un tutoraggio aggiuntivo o un cramming intensivo.

Gli MMI consistono in un numero di stazioni, normalmente tra sei e dodici, e devi lavorare da capo a fondo completando diverse attività. Ci sono limiti di tempo per ogni stazione e talvolta avrai un compagno per l’esercizio. Ad esempio, potrebbe esserti richiesto di recitare un ruolo e di essere un medico di base che deve conferire con un paziente isterico che ha appena scoperto di avere una malattia potenzialmente letale.

In alternativa, potrebbe essere richiesto di fornire istruzioni chiare e precise su come scartare e aprire una scatola alla persona di fronte a te su un tavolo. Il primo scenario è il test dell’empatia, il secondo delle abilità comunicative. In alternativa, ti potrebbe essere chiesto di guardare una scena su uno schermo e spiegare come interpreti ciò che hai guardato; essere consegnato un elenco di dati da analizzare; o ti sarà presentato un dilemma etico – un dottore che sta bevendo prima di entrare in sala operatoria, un collega che sospetta di aver rubato dei farmaci dallo sgabuzzino. Nel complesso, lo scopo di questo approccio è scoprire il metodo di comunicazione dei candidati, cosa pensano e la loro capacità di mostrare empatia e comprensione verso gli altri.

 

In questi colloqui non esiste una percentuale di successo in quanto tale, poiché ogni candidato viene valutato in base ai punteggi dei suoi pari.

 

Le MMI sono divertenti. Sii te stesso. Goditi l’esperienza e agisci in modo onesto senza cercare di indovinare ciò che gli altri potrebbero aspettarsi tu faccia o dica …

 

E infine…

 

Come puoi vedere, i colloqui hanno molte forme ma hanno una cosa in comune: ti offrono l’opportunità di chiedere e rispondere alle domande.

 

Fai dei colloqui con chiunque e, quando arriva il giorno, assicurati di essere calmo e pronto a essere brillante!