Come si mangia nel Regno Unito

Il glorioso cibo!

Sono italiano, quindi ho sempre associato il mangiare con la cucina casalinga, la famiglia che si riunisce intorno al tavolo la domenica, le risate e i meravigliosi odori con il sempre presente brindisi sollevando il bicchiere di vino. Quando degli amici vengono a trovarmi in Italia dall’estero, andiamo al ristorante vicino a casa mia e passiamo le ore davanti a piatti di pasta deliziosa cucinati su ordinazione, insalata e verdure di stagione e montagne di gelato. Il cibo è amore, festa, solidarietà … Ma, amici miei, state attenti! Non è la stessa cosa nel il Regno Unito!

Non esiste la pausa pranzo in Gran Bretagna, nessuna possibilità di tornare a casa a schiacciare un sonnellino dopo essersi riempiti lo stomaco all’ora di pranzo al calore del sole. No, il meglio che puoi sperare è di mangiarti un sandwich al volo (spesso sotto la pioggia) o un cosiddetto Meal Deal da supermercato. Questo non è in realtà un vero e proprio pasto, ma un panino, una bibita e un sacchetto di uva e due fettine di mela – il pranzo di ogni impiegato, professionista e studente da Edimburgo a Brighton. Si mania di corsa, facendo uno spuntino in una mensa studentesca, al Prêt a Manger o da Greggs. Tazze e sacchetti di carta usa e getta hanno rimpiazzato i tavoli del ristorante, mentre tutti si affrettano con un occhio sull’orologio e l’altro sul tramezzino al tonno e formaggio. A meno che tu non sia un uomo d’affari o una persona ricca ed annoiata, non potrai permetterti il lusso di avere una “pausa pranzo”.

Questa usanza è stata uccisa dai fast food, dalle pressioni di lavoro e della mania di non ingrassare.
Per quanto riguarda la cena invece? Bene, un breve viaggio in un supermercato del Regno Unito ti mostrerà che i piatti pronti, per uno o due persone, sono gli articoli più popolari sugli scaffali. Supermercati come Marks&Spencer e Waitrose fanno la coda con le loro file di piatti messicani, giapponesi, cinesi e anche “italiani”, da scaldare tutti al microonde in tre minuti. La maggior parte dei negozi non ha banchi di pesce o carne fresca, solo vassoi in polistirolo con pollo e tacchino pre-tagliati e pre-confezionati, carne macinata e merluzzo in pastella, con una fettina di limone e una bustina di salsa. Se vuoi comprare cuore, reni, fegato, un osso di prosciutto, sardine, una trota intera dovrai andare in un grande supermercato tipo Sainsbury o Morrison’s, dove, nascosto in fondo, troverai del “pesce fresco” su pezzi di ghiaccio insieme a grandi tagli di carne. Il macellaio e il pescivendolo sono ormai passati di moda, e far la spesa per strada sta lasciando il posto agli acquisti online tipo Amazon ecc.

E se non volessi tutto pronto, pieno di grassi e conservanti sconosciuti? Cosa bisogna fare se ti venisse voglia di cucinare?

Bene, in tal caso, la soluzione migliore è quella di andare al tuo mercato locale, che apre tutti i giorni o qualche volta alla settimana, e acquistare le quantità che desideri. I mercati sono fantastici. Tutto è fresco, più economico che nei supermercati e nei negozi di strada, e alla fine della giornata i commercianti cercano di svendere tutto il loro magazzino, quindi l’avocado da 50p diventa 4p per un chilo e la pasta scende del 50% a qualche ora prima della chiusura. Altrimenti, l’alternativa è sempre il negozio turco di zona, caratterizzato dall’enorme selezione di frutta e verdura esposte all’esterno, i grappoli di coriandolo e agrumi di Cipro o una drogheria asiatica e mediorientale, dove puoi trovare le spezie , pane e meravigliose erbe e verdure.

Se avete intenzione di utilizzare un supermercato, quindi, in ordine decrescente, quelli più costosi sono probabilmente Marks, Waitrose, Co-Op, Sainsbury’s, Morrison’s, Asda, Lidl e Aldi. Gli ultimi due sono rivenditori tedeschi e si sono espansi in tutto il Regno Unito negli ultimi cinque anni, quindi ti capiterà di trovare un Lidl ovunque, il cui pane e pasticcini sono fantastici, ma che in definitiva non hanno una vasta gamma di prodotti.

Il fast food è uguale in tutte le parti d’Europa, e mentre hamburgerie e pizzerie vengono gradualmente messi in ombra dai negozi di kebab e dai ramen, il pollo la fa da padrone in questa zona. È economico e di solito molto grasso. Il fish and chips è un’opzione migliore, anche se il calo delle riserve nel Mare del Nord ha determinato un sorpasso dei pesci tradizionali come il merluzzo da parte del nasello, sogliola e pesci meno noti.

I take-away e i servizi di consegna sono molto popolari nel Regno Unito e non avrai problemi a farti inviare dei pasti da Just Eat o Deliveroo etc. ma per comprenderne davvero la genuinità di quanto ti consegnano, dovresti provarlo prima nei ristoranti. Non ha senso aspettare 45 minuti per l’arrivo del tuo autista di Deliveroo per poi scoprire che il cibo è pessimo. Leggi le recensioni online come se fossero la Bibbia, chiedi in giro e solo dopo premi quel pulsante sul tuo smartphone.

Il mio ristorante bulgaro locale e molto piccolo non è registrato sui servizi di consegna, ma sono felici di consegnarti in bicicletta una ciotola di patate miste e Smolensk, quindi se scopri un ristorante locale che ti piace, controlla se riescono a consegnarti un pasto. Vale sempre la pena chiedere!

Rimarrai stupito dal numero di cucine offerte nel Regno Unito: mongolo, peruviano, venezuelano, giamaicano, trinidiano, russo …. oggi giorno avrai solo l’imbarazzo della scelta. Vent’anni fa, i ristoranti indiani e cinesi erano le uniche opzioni conosciute – e molti continuano ad aumentare – ma ora, qualunque pietanza tu voglia provare sei sicuro di trovarla. Il Regno Unito ha quasi 6 milioni di vegetariani e vegani, e questo numero è in costante crescita, quindi se sei un mangiatore di carne, la scelta è fantastica e ogni negozio, ristorante, caffetteria e bar offre molteplici opzioni. Gli alimenti privi di glutine sono ampiamente disponibili e ogni alimento confezionato deve contenere una ripartizione completa degli ingredienti, degli additivi e del valore calorico, in modo che le persone a dieta possano capirlo con facilità. E ti garantisco che le persone leggono le etichette! Personalmente mi è capitato spesso di imbattermi in file di persone che sbirciano le etichette e bloccano i corridoi mentre cercano di decidere tra gli articoli. È ottimo. È responsabile e probabilmente sarai anche uno di questi.

Quindi, mentre studi nel Regno Unito, mangia, bevi e sii felice – e goditi la varietà di cibi che troverai…

Buon appetito!

Eleonora, University of Westminster